Questo sito usa i cookies come strumento per aiutarci a capire come viene utilizzato dagli utenti. Se desideri saperne di più clicca sulla Privacy Policy oppure clicca su OK per chiudere il banner.

Segnala un danno da contratto

firmaSegnala un caso riguardante bollette telefoniche, banche, assicurazioni, trasporti, energia, pacchetti tv, etc

Segnala un danno da prodotto

meccanicoSegnala un caso di difettosità riguardante autoveicoli, elettrodomestici, computers, cellulari, farmaci,etc

Segnala un danno Anti-trust

pubblicitaSegnala un caso di pubblicità ingannevole, marketing aggressivo, prezzi eccessivi e comportamenti anticoncorrenziali.

Auto difettose (3 febbraio 2010)

Sembrava un problema del tappetino che si andava ad incastrare sotto il pedale dell’acceleratore e invece la Toyota deve fare i conti con un terribile difetto di fabbrica. Infatti, il pedale del gas in alcuni rari, ma gravi casi e su alcuni modelli, torna indietro in modo estremamente lento. In buona sostanza, il pedale dell'acceleratore rimane incastrato anche dopo aver tolto la pressione del piede e la vettura in molte situazioni sarebbe chiaramente fuori controllo. In termini di sicurezza, è in assoluto uno dei guasti più gravi insieme a quelli relativi allo sterzo e ai freni.

Negli Stati Uniti una serie di incidenti ha costretto il colosso giapponese a richiamare prima 3 milione e 800 mila, poi altre 2 milioni e mezzo di auto e si parla di 13 casi di incidenti stradali mortali sotto indagine proprio a causa di questo difetto.

I modelli venduti in Italia sarebbero più di 1 milione ed in elenco troviamo:

Aygo (esemplari prodotti tra febbraio 2005 e agosto 2009),
iQ (novembre 2008-novembre 2009),
Yaris (novembre 2005-settembre 2009),
Auris (ottobre 2006-5 gennaio 2010),
Corolla (ottobre 2006-dicembre 2009),
Verso (febbraio 2009-5 gennaio 2010),
Avensis (novembre 2008-dicembre 2009),
RAV4 (novembre 2005-novembre 2009).
In Europa dove, è bene sottolinearlo, non si è mai verificato alcun tipo di incidente legato a questo problema, le auto richiamate saranno 1.800.000, alle quali vanno aggiunte 100.000 fra Peugeot 107 e Citroёn C1 che condividono il 92% di componenti con la Toyota Aygo (sono prodotte insieme nella fabbrica ceca di Kolin).

Individuato il problema, pare sia stata trovata anche la soluzione: una barretta di acciaio andrà a rinforzare il meccanismo di rilascio dell’acceleratore e così le auto richiamate potranno tornare su strada in tutta sicurezza. Un’operazione che impatterà in maniera significativa sui già fragili bilanci del gruppo giapponese.

E’ in corso la raccolta delle adesioni per verificare l’opportunità di adottare iniziative contro alcuni concessionari o la stessa casa produttrice. Segnala il tuo caso allo sportello "Segnala un danno da prodotto".

Copyright © 2008 ClassAction.it - Contatti