Questo sito usa i cookies come strumento per aiutarci a capire come viene utilizzato dagli utenti. Se desideri saperne di più clicca sulla Privacy Policy oppure clicca su OK per chiudere il banner.

Segnala un danno da contratto

firmaSegnala un caso riguardante bollette telefoniche, banche, assicurazioni, trasporti, energia, pacchetti tv, etc

Segnala un danno da prodotto

meccanicoSegnala un caso di difettosità riguardante autoveicoli, elettrodomestici, computers, cellulari, farmaci,etc

Segnala un danno Anti-trust

pubblicitaSegnala un caso di pubblicità ingannevole, marketing aggressivo, prezzi eccessivi e comportamenti anticoncorrenziali.

Stazione Tiburtina: al via la class action di Unc e Codici (01 settembre 2011)

Le associazioni Unione Nazionale Consumatori e Codici, successivamente al rogo della stazione Tiburtina dello scorso 28 luglio, che ha creato caos al trasporto ferroviario nazionale e regionale del Lazio, confermano l’intenzione di avviare una class action ai sensi dell’art. 140-bis del Codice del Consumo.

“L’incidente della stazione Tiburtina ha provocato disagi che devono essere risarciti – è quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC) - Non sappiamo quando la seconda stazione della Capitale tornerà del tutto operativa, considerato, però, l’importanza della stazione per i collegamenti con l’aeroporto e per chi vive fuori città, ci auguriamo che oltre ad accelerare il più possibile i lavori, si garantisca a chi viaggia un’informazione puntuale e precisa”.

“I disagi causati ai pendolari e agli utenti del trasporto ferroviario sono rilevanti. Ancora ad oggi il servizio ferroviario stenta a ripartire e il caos perdura – continua Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – I risarcimenti per chi ha patito i disservizi e per chi ancora li subisce sono necessari e doverosi. Molti cittadini sono stati costretti ad utilizzare mezzi alternativi al treno pur avendo pagato un biglietto di viaggio, altri sono rimasti per ore bloccati in stazione senza che venisse data loro un’adeguata informazione. Insomma – conclude Giacomelli – le criticità riscontrate e segnalate dai cittadini in questi giorni sono talmente tante da rendersi necessaria un’azione legale altrettanto estesa che vada a tutelare i diritti dei cittadini”.

Per questo motivo l’Unione Nazionale Consumatori e l’associazione Codici stanno studiando una class action per il risarcimento dei danni causati a chi è rimasto bloccato per ore, a cominciare dai molti pendolari coinvolti. Quanti hanno vissuto tale disagio possono manifestare la propria disponibilità a partecipare all’azione, mandando un’ email all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Copyright © 2008 ClassAction.it - Contatti