Questo sito usa i cookies come strumento per aiutarci a capire come viene utilizzato dagli utenti. Se desideri saperne di più clicca sulla Privacy Policy oppure clicca su OK per chiudere il banner.

Segnala un danno da contratto

firmaSegnala un caso riguardante bollette telefoniche, banche, assicurazioni, trasporti, energia, pacchetti tv, etc

Segnala un danno da prodotto

meccanicoSegnala un caso di difettosità riguardante autoveicoli, elettrodomestici, computers, cellulari, farmaci,etc

Segnala un danno Anti-trust

pubblicitaSegnala un caso di pubblicità ingannevole, marketing aggressivo, prezzi eccessivi e comportamenti anticoncorrenziali.

Treni in ritardo (17 febbraio 2010)

Su 400 treni monitorati in un qualunque giorno di gennaio, oltre 300 sono arrivati con ritardi superiori ai 15 minuti, 50 hanno superato l'ora di ritardo, 30 hanno superato le due ore. Solo un centinaio di treni ha contenuto il ritardo in meno di 15 minuti (fonte: Repubblica del 7 gennaio).

I ritardi dei treni sono una situazione inaccettabile per chi paga un servizio che non mantiene le promesse. Sarebbe auspicabile che Trenitalia chieda scusa e dichiari la propria incapacità di rispettare i nuovi orari accorciati, abbassando i prezzi dei biglietti e ripristinando la possibilità di ottenere un bonus per i ritardi superiori ai venticinque minuti. A dicembre, infatti, approfittando dell'entrata in vigore del Regolamento comunitario n. 1371/2007 che prevede indennizzi se il ritardo supera i sessanta minuti (nella misura al 25% del prezzo del biglietto); ma si tratta di rimborsi “automatici”, da versare entro un mese, e nulla vieta che il consumatore reclami danni ulteriori.

Per questo abbiamo avviato la raccolta delle adesioni per verificare l'opportunità di adottare iniziative contro le Ferrovie dello Stato per i treni ad alta velocità di media e lunga percorrenza.

Si consiglia di conservare il biglietto e di annotare il numero del treno, la tratta percorsa e l’esatta ora di arrivo, se si intende prendere parte ad una azione di classe (si tratta di “Danni da contratto”, secondo l’art. 140-bis del Codice del consumo).

Segnala il tuo caso allo sportello dedicato.

Copyright © 2008 ClassAction.it - Contatti